la tigella un blog che non è un blog

#iohovotato: storia di un hashtag

06.13.2011 · Posted in cose di internet

Domenica mattina, verso le 8, da una conversazione su friendfeed con Dario e Roberta Milano nasce la voglia “organizzare” il flusso di tweet che iniziava a circolare sul referendum e sulla partecipazione al voto. Rapido giro su twitter a controllare la situazione, ci accordiamo sull’hashtag #iohovotato e poi parto con questo tweet:

Siete già stati al seggio? Ditelo con #iohovotato così ci contiamo :) (fatelo e fate RT per diffondere!)
@tigella
claudia

Ritwittato da decine di persone nel giro di pochi secondi, l’hashtag comincia a circolare a un ritmo che nessuno di noi si aspettava. In meno di mezz’ora era già tra i trending topic.

Per un breve momento, intorno alle 11 del mattino, è stato tra i trending topic globali.

Durante la giornata è stato utilizzato anche da diverse personalità della politica, partiti e media, da Bersani a Pisapia a Nichi Vendola, dal PD all’Unità.

#iohovotato per tutti gli amanti del sole: siamo al tramonto: correre a votare!!
@robertapinotti
Roberta Pinotti

AFFLUENZA ALLE 12 SOPRA L'11% #iohovotato E HO TROVATO LA FILA PER VOTARE AI #REFERENDUM2011 http://t.co/ExBjId7
@pbersani
Pier Luigi Bersani

Ogni voto è importante: partecipate e fate partecipare #referendum #iohovotato
@giulianopisapia
Giuliano Pisapia

#Iohovotato. Affluenza alta.La più alta dopo quella registrata ai #referendum sul divorzio e il finanziamento ai partiti http://t.co/xK2tzLS
@unitaonline
l'Unità

#iohovotato continuiamo a invitare chi non lo ha fatto ad andare a votare ai #referendum2011. Per essere protagonisti del cambiamento
@pdnetwork
PD pdnetwork

#iohovotato. Grazie a tutti quelli che lo hanno fatto, abbiamo irrobustito la democrazia.
@NichiVendola
Nichi Vendola

4 Responses to “#iohovotato: storia di un hashtag”

  1. Maughele scrive:

    E stata una buona idea complimenti all’ideatore ed alla fine anche divertente. Grazie per l’inventiva.

  2. bell’idea, è stato bello condividere così il mio voto.

  3. Grande idea, grande iniziativa, grande risposta dalla gente.
    Non sempre va così con gli hashtag, ma stavolta, un po’ perché il nome era azzeccato, ok… ma sopratutto perché c’era tanta voglia di votare e dire “la nostra” e poi… grazie anche agli influencer iniziali, ovvero tu e la milano… :)

    che ne pensi, quale sia stato il fattore determinante per dare lo “start” al cinguettio di massa? :) _complimenti_

  4. tigella scrive:

    Grazie dei complimenti.
    Io credo che il successo dell’hashtag sia venuto da un mix di fattori e principalmente dal fatto che abbiamo intercettato la voglia delle persone di esprimere il proprio orgoglio di aver partecipato al raggiungimento del quorum.
    Il momento in cui l’abbiamo lanciato era quello giusto e i nostri follower sono stati pronti a raccogliere e diffondere la proposta.

Leave a Reply